Pirandello, un evergreen

Lo scorso fine settimana si è aperta ufficialmente la nuova stagione al Teatro Vittorio Emanuele di Messina.

Apertura che ha visto in scena la commedia di Luigi Pirandello Pensaci Giacomino con il bravissimo Leo Gullotta e la lettura drammaturgica di Fabio Grossi. Diretta da Matteo Pappalardo per la sezione musica e Simona Celi Zanetti per la prosa.

DSC05390

La storia ha come protagonista il professore di storia naturale Agostino Toti, interpretato da Leo Gullotta, che ormai stanco e invecchiato teme di morire di solitudine. Decide allora di fare un atto di bene e di aiutare Lillina la figlia dei bidelli della scuola dove insegna. La ragazza, infatti è incinta di un giovane, Giacomino Delisi, il ragazzo senza arte e ne parte non sa come provvedere alla giovane e al bambino, motivo per il quale è osteggiato dai genitori di lei. Il buon professor Toti decide di prendere in moglie la ragazza, rendendola così unica erede dei suoi beni quando lui non ci sarà più, inoltre riesce a trovare un lavoro in banca a Giacomino, al quale inoltre dà il permesso di recarsi a trovare Lillina e il bambino in casa loro. La cosa scatena il putiferio in paese. Le famiglie dei giovani non accettano che la gente sparli di questa situazione e continuano a fare pressione sullo stanco professore affinché cambi atteggiamento. Pressioni che saranno rappresentate da un inquietante parroco, il reverendo Landolina.

Ma Agostino Toti se ne infischia di quello che dice la gente e fa di tutto affinché il suo gesto caritatevole nei confronti di Giacomino non sia vano.

L’intera narrazione si basa sul gioco delle maschere, molto caro a Pirandello, ognuno di noi vive indossando una maschera per compiacere gli altri ed essere accettato dalla società e dalle sue regole, questo conduce gli individui a vivere una commedia giornaliera reale dai tratti drammatici che spesso si conclude con la sconfitta dell’individuo.

In questo caso abbiamo a che fare con la maschera dell’ipocrisia indossata dai genitori di Lillina, dalla sorella di Giacomino e dal reverendo Landolina, ai quali importa solo quello che pensa la gente. Agostino Toti rappresenta colui che cerca di rompere un sistema fatto di pettegolezzi, invidie e invadenza da parte della gente comune, tutte cose queste magistralmente rappresentate nella scenografia di Angela Gallaro Goracci.

Bravo come sempre Leo Gullotta e ottima la scelta di Pirandello le cui opere sono sempre attuali. In Pensaci Giacomino oltre all’idea di rompere i dettami di ipocrisia della società, viene messa in luce l’immagine dell’insegnate che cerca di aiutare i giovani, ruolo che in realtà viene deriso e considerato inutile dalla società, un po’ quello che avviene oggi nella scuola italiana.

A voi piace Pirandello? Avete un’opera preferita di questo straordinario scrittore siciliano premio Nobel per la letteratura?

Scrivetemelo nei commenti.

DSC05387
Questa foto ritrae il soffitto del Teatro Vittorio Emanuele di Messina. Dipinto realizzato da Renato Guttuso e rappresenta la leggenda di Colapesce.

P.S.

Le foto di questo post le ho fatte io, Lucia.

SANREMO 2018

LE DIECI COSE CHE HO AMATO DELL’ULTIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO E LE DIECI COSE CHE NON HO APPREZZATO.

Ieri sera si è conclusa la 68° edizione del festival di Sanremo, festival che, diciamola tutta, sta al paese Italia come una festa padronale o una sagra sta a un borgo medievale. L’ho aspetti tutto l’anno, ti chiedi chi sarà a presentarlo, chi saranno gli stilisti scelti dalla prima donna, chi saranno i cantanti che parteciperanno, pensi che forse ci sarà qualcosa di nuovo. E invece niente, il copione è sempre lo stesso, proprio come una sagra viene celebrata la storia e la tradizione della musica italiana. Storia e tradizione che quest’anno l’hanno fatta da padrona se si pensa all’età media dei partecipanti. Ma lo guardi lo stesso, perché il giorno dopo saresti tagliato fuori dalle discussioni al bar, in ufficio, sul tram o a scuola. Come qualsiasi festa di paese se non ci vai sei macchiato a vita dai tuoi compaesani.

Sanremo18
Questa foto è stata scaricata dal sito Corriere.it

Qui di seguito vi elenco le dieci cose che non ho apprezzato di questa edizione e le dieci cose che mi sono piaciute.

LE 10 COSE CHE NON HO APPREZZATO SONO:

1 I vestiti di Michelle Hunziker, da fashion victim quale sono li ho trovati orribili, fatta eccezione per re Giorgio la prima sera.

2 La scelta di molti dei cantanti in gara, troppo vecchi, a dimostrazione della mia teoria che l’Italia è un paese proiettato al passato non al futuro. Un paese dove gli anziani fanno fatica a lasciare il passo ai giovani, anche nel mondo della musica.

3 Le gag comiche dei tre presentatori sono stati imbarazzanti, per non parlare delle interviste alle canzoni fatte con la Leosini e la Sciarelli, terribili.

4 Il caso di plagio che ha visto al centro delle polemiche la canzone di Metal e Moro. A mio avviso la produzione del festival ha trattato la cosa con superficialità in quanto potevano accertare le cose prima che la chermes avesse inizio.

5 Non ho amato gli eccessivi intermezzi pubblicitari che hanno rallentato ancora di più lo svolgimento della gara. Ma non sarebbe Sanremo se su quel palco tutto non fosse lento come un bradipo.

6 Baglioni nei panni del conduttore no, meglio come cantante.

7 Facchinetti e Fogli, i peggiori come cantanti.

8 L’esibizione di Michelle sulle note della canzone QUELLO CHE LE DONNE NON DICONO per sensibilizzare sulla questione dei femminicidi e della violenza sulle donne. L’ho trovata come una strumentalizzazione alle polemiche su Doppia Difesa, anche perché la sensibilizzazione non si fa cantando una canzoncina sul palco dell’Ariston, si fa andando nelle scuole ad educare al rispetto.

9 La giuria degli esperti, a parte Giovanni Allevi unico musicista accreditato, gli altri che centravano, andavano bene per i David di Donatello.

10 Il vincitore delle nuove proposte.

LE 10 COSE CHE HO AMATO SONO:

1 Pierfrancesco Favino, una vera scoperta, bello e bravo. Ma soprattutto commovente nel suo monologo sui migranti, sulla loro disperazione che li porta ad affrontare deserto, mare e poi l’intolleranza europea.

2 La scelta dei comici: Fiorello mattatore della prima serata, Virginia Raffaele fantastica, ma anche Crozza, Frassica e il mago Forrester non sono stati da meno. Hanno dato un tocco di vita ad un festival un po’ noioso.

3 I duetti della quarta serata. I migliori quello di Noemi e Paola Turci, Stato Sociale e il coro dell’Antoniano di Bologna, Diodato e Roy Paci con Ghemon, Barbarossa con la Foglietta e Cristicchi che sta a Fabrizio Moro e Ermal Metal come la nutella sta col pane.

4 Premio Lucio Dalla per le nuove proposte ad Alice Caioli, mia concittadina.

5 I duetti fra Baglioni e i grandi della musica italiana. Anche se qualcuno non era al massimo della sua forma fisica vedi il Volo e la Nannini.

6 La canzone di Max Gazzè, la leggenda di Cristalda e Pizzomunno diventata una splendida ballata d’amore, la mia preferita.

7 Luca Barbarossa. Il ragazzo della via Margutta è diventato adulto e con la sua canzone racconta il tempo che passa, di come cambiano i sentimenti e di come l’amore a un certo punto è fatto di piccoli gesti di quotidianità.

8 Michelle Hunziker che non amo, ma che in questa situazione ha dimostrato una grande professionalità e presenza scenica. Un tempo c’era un conduttore uomo e due belle donne accanto. Quest’anno abbiamo avuto una bella donna a condurre con accanto due valletti di cui uno molto bello.

9 Ermal Meta e Fabrizio Moro che con la loro NON MI AVETE FATTO NIENTE vincono la 68°edizione del festival. Vittoria meritata al di là delle polemiche. Lo Stato Sociale al secondo posto, la loro canzone ho paura che ci tormenterà per tutta l’estate. Brava anche Annalisa in terza posizione.

10 Laura Pausini, grande artista, ha sfidato il freddo per poter cantare in mezzo alla gente fuori dall’Ariston e poi la sua interpretazione di Avrai con Baglioni va be……. che ve lo dico a fare.

E voi avete visto il festival? Cosa ne pensate? Avreste voluto che vincesse qualcun altro? Qual era il vostro podio ideale?

 

 

TALENT SHOW

Ha vinto Lorenzo Licitra, come siciliana sono contenta che l’undicesima edizione di   X FACTOR l’abbia vinta un mio conterraneo, ma detto fra noi, i miei preferiti erano i Maneskin. Se avessi immaginato un under vincitore il mio pensiero sarebbe andato ad Enrico Nigiotti. La vittoria di Lorenzo mi fa pensare a quanto questo paese sia proiettato al passato e non al futuro. Il ragazzo di Ragusa è bravo ma il suo background lirico lo fa sembrare un po’ troppo vecchio nel suo modo di cantare.

La band romana invece ieri sera ha letteralmente incendiato il forum di Assago e Damiano il front man del gruppo con indosso quelle ali nere mi ha ricordato Brandon Lee nel corvo, anche se la sera in cui si è esibito nelle pole dance con i tacchi resterà negli archivi di Sky. Certo il merito delle coreografie e dei quadri che fanno da cornice alle esibizioni va all’estro creativo di Luca Tommasini, ma anche le scelte dei giudici non sono state da meno. Manuel Agnelli con i gruppi si è proprio realizzato, Mara Maionchi ha vinto e credo sia stata la prima volta da quando è giudice, forse la stella di Fedez si è oscurata ma ci penserà la Ferragni a consolarlo, mi è dispiaciuto solo per Levante, mi piace molto come artista, ma con Rita ha preso una bella cantonata. Molto belle anche le esibizioni dei tre ospiti James Arthur, Tiziano Ferro e Ed Sheeran. Ho avuto l’impressione che quest’anno il talent abbia ritrovato la qualità nei concorrenti e nei giudici che nelle scorse edizioni era venuta meno. Lo share è stato altissimo tanto da essere l’edizione del talent più vista.

La ricerca di nuovi talenti musicali è ormai una costante della televisione italiana. La prima fu Santa Maria De Filippi che con Amici diete vita ad un fenomeno culturale e televisivo mai visto. Poi fu la volta di X FACTOR che fu così vincente come format da essere mandato in onda in quasi tutti i paesi, per non parlare del fatto che tutti gli altri talent creati in anni successivi si basano tutti sul programma creato da Simon Cowell. Poi è stata la volta di The Voice e programmi come Ti lascio una canzone e Io Canto dove dei bambini scimmiottavano gli adulti, ma da uno di questi programmi è venuto fuori il terzetto del Volo il cui successo è planetario. Tre ragazzi che cantano il vecchio repertorio della lirica e musica leggera italiana, e qui torna la mia teoria che l’Italia è troppo radicata nel suo passato anche nella musica.

E voi cosa ne pensate? Con in testa il ritornello della canzone dei Maneskin Follow me, Follow me now, vi auguro un buon fine settimana e un divertente shopping natalizio.

FACCIAMO CHE IO ERO……

Facciamo che io ero una bambina molto timida, cresciuta in un luna park zona EURO a Roma, facciamo che questa bambina avesse anche i nonni circensi e da loro avesse ereditato la vena artistica. Facciamo che quella bambina oggi sia Virginia Raffaele che con il suo ONE WOMAN SHOW, in onda in prima serata ogni mercoledì su RAI DUE, dal titolo FACCIAMO CHE IO ERO, ha dimostrato ancora una volta il suo grande talento.

Il programma ci riporta indietro ai grandi varietà di una volta, dove c’erano il balletto, l’ospite musicale, la spalla, le imitazioni e soprattutto grandi donne dello spettacolo. Ecco Virginia dimostra di essere al pari di una Goggi o di una Carrà. Scopriamo con sorpresa che è una bravissima ballerina e cantante. Tanti gli ospiti musicali fra cui Giorgia, Francesco Gabbani, Michele Bravi e tanti altri, con un’attenzione agli ospiti stranieri che rimandano alla tradizione circense molto cara a Virginia.

Certo non mancano i tempi morti o gli sketch poco riusciti, in parte dovuti ad ospiti non proprio bravi a farle da spalla, come Gabriel Garko o come Lillo e Greg, che personalmente non mi sono piaciuti, più esilaranti Ale e Franz della seconda puntata.

Fortunatamente a farle compagnia sul palco c’è Fabio De Luigi, che è invece un’ottima spalla, soprattutto quando Virginia imita Marina Abramovic, che fa parte di un nuovo gruppo di imitazioni dove Virginia ha eseguito un lavoro certosino e quasi maniacale per assomigliare perfettamente all’originale. Vengono fuori una Bianca Berlinguer e una Fiorella Mannoia perfette, mentre la mia preferita è la scrittrice Michela Murgia che cattivissima critica letteraria smonta addirittura i pilastri della letteratura italiana come la Divina Commedia o i Promessi Sposi. Accanto alle novità non mancano le imitazioni storiche come Sabrina Ferilli, Donatella Versace e il cavallo di battaglia Belen Rodríguez. Ferilli che come ospite della seconda serata non si è sottratta ad essere “vittima” della padrona di casa.

Ma per lunghi tratti della trasmissione, in scena c’è solo Virginia, senza trucco o maschera risulta più efficacie di qualsiasi imitazione. E nei suoi panni si cimenta in monologhi come quello su l’omofobia o sul cambiamento o il mancato cambiamento del paese Italia. Istrionica, divertente ormai amatissima dal grande pubblico, Virginia si dimostra un’artista molto intelligente a porre l’attenzione su alcuni temi sociali utilizzando la maschera dell’ironia e della comicità.

Ma fino a questo momento la miglior esibizione è quella della prima puntata, dove si è esibita con Roberto Bolle sulla coreografia di DIRTY DANCING, e come disse Virginia al festival di Sanremo dell’anno scorso CHE BELLO BOLLE CHE BALLA.

virginia raffaele