La Notte delle Stelle Cadenti

Ieri sera, a Roma, si è svolta la 64° edizione dei David di Donatello. La versione italiana degli Oscar che ogni anno premia le migliori produzioni cinematografiche italiane.

Quest’anno la manifestazione si è presentata in una vesta totalmente nuova, grazie soprattutto a Piera Detassin, presidente della giuria, che ha voluto dare un taglio molto giovanile alla manifestazione. L’intento però della nuova Accademy non è riuscito, tanto che quella che doveva essere la notte delle stelle del cinema italiano si è tramutata nella notte delle stelle “cadenti”.

Cadenti perché l’immagine, che ieri sera i David hanno dato del cinema italiano è quella di un’industria stanca, di un’industria che non riesce ad essere originale e innovativa, metafora di tutto ciò il triste siparietto di Muccino e cast. Eppure film belli in concorso c’erano, film che purtroppo non sono stati premiati.

Non è bastata neanche la presenza come conduttore di Carlo Conti per dare quel senso di importanza alla serata. Tutto si è svolto in maniera lenta e noiosa. Perfino l’intervento di Benigni, che ha consegnato il David alla carriera a Tim Barton è stato giù di corda.

Nove statuette sono state assegnate a Dogman di Matteo Garrone, tra cui miglior film, miglior regia e miglior attore non protagonista, film a detta di molti troppo sopravalutato, io non l’ho visto pertanto non posso giudicare.

Miglior attore protagonista Alessandro Borghi, per l’interpretazione di Stefano Cucchi nel film Sulla mia Pelle. Qui il link della mia recensione SULLA NOSTRA PELLE

Film che ha conquistato anche il premio come miglior regista emergente e miglior sceneggiatura originale. Film che insieme a Roma di Alfonso Cuaron, premio come miglior film straniero, posiziona Netflix in un ruolo sempre più promettente, fossi nei panni delle case di produzione comincerei a considerarla come un vero e proprio competitor.

Miglior attrice, l’incredula Elena Sofia Ricci, per Loro, film di Paolo Sorrentini, grande assente, a mio avviso ha semplicemente snobbato la serata, ecco lui per me è sopravalutato.

Miglior attrice non protagonista Marina Confalone per Il Vizio della Speranza che insieme a Capri Revolution forse meritavano qualcosa di più.

Premi speciali sono stati poi consegnati a Francesca Lo Schiavo, Uma Thurman e Dario Argento che con un velo di polemica ha ricordato che dopo 40 anni di onorata carriera questo era il primo David che riceveva.

A bocca asciutta, insieme a Sorrentino, è rimasto Luca Guadagnino. Del resto lui appartiene alla categoria, cervelli in fuga, artisti che all’estero sono riconosciuti per il loro eccezionale talento, ma che in Italia non sono neanche considerati.

E voi cosa ne pensate? Siete d’accordo con le scelte dell’Accademy?

Vi aspetto nei commenti.

David-di-Donatello-2019-678x381

Io Sono Mia

Ieri sera è andato in onda su Rai 1 il film che racconta la vita della straordinaria, ma sfortunata Mia Martini.

Io Sono Mia, ha celebrato la carriera e la vita della cantante calabrese, è stato un biglietto di scuse arrivato forse un po’ tardi.

Nella vicenda narrata ieri sera, siamo al Sanremo del 1989, anno della rinascita artistica di Mia, anno in cui l’artista ritorna sul palco dell’Ariston dopo una assenza dalle scene durata quasi sei anni. Assenza avvenuta a causa delle maldicenze messe in giro su Mia, ovvero che portasse sfortuna. Qualche giorno prima dell’esibizione, Mia si lascia intervistare da una giornalista e con questo pretesto e utilizzando la tecnica del flashback, il film ripercorre la vita della cantante.

Domenica, Rita, Adriana Bertè, da tutti chiamata Mimì, capisce fin da bambina cosa farà da adulta, la cantante. Il sogno si realizza nel 1972 quando con il nome d’arte di Mia Martini, pubblica il suo primo CD. Mimì lascia subito il segno, grazie alla sua voce graffiante, cupa, penetrante e alle sue straordinarie doti da interprete che riescono a dare vita ai versi che la ragazza canta. Questi sono gli anni di Minuetto, Piccolo Uomo e tanti altri successi che consacrano Mia come una delle nuove promesse della musica italiana.

Anche la sua vita privata va a gonfie vele, è innamorata ricambiata da un giovane fotografo di nome Andrea, ed ha l’affetto e la stima di amici e colleghi fra tutti la sua adorabile ma un po’ esuberante sorella minore Loredana.

Ma all’improvviso qualcosa si inceppa, iniziano a girare delle strane voci sul conto di Mia, voci terribili che la indicano come una iettatrice e porta sfortuna. Iniziano a cessare le partecipazioni a concorsi e trasmissioni, viene a poco a poco annullata come artista e le viene impedito di fare quello che più amava, cantare.

Mia Martini era una donna dalla grande sensibilità e come tutti gli artisti dotati di questa virtù soffrirà terribilmente da questa situazione.

Il Sanremo del 1989, che la vede in gara con il brano Almeno tu nell’universo, sarà il suo riscatto, ma non sarà sufficiente ad aiutarla e allontanare da sé le maldicenze.

Nei panni di Mia Martini c’è stata una Serena Rossi davvero brava, che ha saputo interpretate Mia soprattutto nella sfera della sua fragilità e sensibilità, è riuscita a farla sua regalando al pubblico il ritratto di un’artista straordinaria quale è stata nella realtà. Un artista la cui bravura ha fatto tremare qualcuno che ha deciso che una donna di così talento non andava bene.

L’unico rammarico che ho, è che a mio avviso la vicenda è stata narrata un po’ troppo in sintesi. La cosa forse è stata dovuta dal fatto che due persone come Ivano Fossati e Renato Zero non abbiano voluto farsi coinvolgere dall’opera cinematografica e hanno chiesto di non essere menzionati nella narrazione. Entrambi però sono stati fondamentali nella vita di Mimì. Fossati perché è stato il suo grande amore, infatti il personaggio di Andrea è una figura ispirata al noto cantautore. Renato Zero è stato invece uno dei migliori amici della Martini e non sono chiare le motivazioni della sua scelta.

Mia Martini ha partecipato a tanti festival di Sanremo nei quali ha sempre vinto il premio per la critica, premio che oggi porta il suo nome.

io-sono-mia7-1030x615

Le Ragazze di Rai 3

Gloria-Guida

La domenica sera su Rai 3 c’è un bel programma, o meglio un programma racconto che attraverso una serie di interviste a donne famose e a donne comuni ci narra la storia del nostro paese.

Le Ragazze è un programma realizzato dalla casa di produzione Pesci Combattenti, nasce come spin off del programma Le Ragazze del 46 e Le Ragazze del 68, il primo nato per omaggiare il 70° anniversario del suffragio femminile, il secondo per ricordare il movimento studentesco italiano.

Le Ragazze attraverso interviste e testimonianze a donne di diversa provenienza, estrazione sociale e istruzione ripercorre episodi salienti della storia italiana del secondo novecento. Ogni intervista è doppia e riguarda due donne che sono state ventenni in un determinato decennio, di norma una delle due è un volto famoso, la seconda è una donna comune.

Ogni episodio è così strutturato: vi è l’intervista ad una ragazza degli anni 40, una ragazza che nel bene o nel male ha dovuto affrontare il dramma della guerra, poi si passa all’intervista delle ragazze degli anni 60 o 70 nel primo blocco e le ragazze degli anni 80 o 90 nel secondo, chiude la puntata l’intervista ad una ragazza di vent’anni di oggi che rappresenta le ragazze del nuovo millennio.

Da questi racconti e dai ricordi delle protagoniste, ricordi per lo più in bianco e nero, emerge la storia di un paese straordinario, una storia fatta soprattutto di donne che hanno lottato per la propria libertà e per i propri diritti.

È il racconto dell’Italia del secondo dopo guerra, è l’Italia delle proteste, della lotta per il referendum per il divorzio e per l’aborto, è l’Italia degli anni 80, dei paninari e della Milano da bere, e l’Italia delle stragi del 1992.

Protagoniste e testimoni di tutto ciò nomi noti come quello di Sultan Razon Veronesi, Tina Montinari, Antonia Dell’Atte, Lidia Ravera, Simonetta Agnello Hornby, Luciana Castellina, Piera degli Esposti, Angela Buttiglione, Eleonora Brown, Elena Cattaneo, Suor Paola e insieme a loro donne comuni, che potrebbero essere le nostre nonne o le nostre madri, insegnanti, contadine, femministe, avvocati o medici, ma tutte testimoni di decenni che hanno segnato nel bene o nel male il nostro paese.

Mi hanno profondamente colpito le testimonianze delle ragazze degli anni 60 e 70 ragazze che hanno dovuto lottare faticosamente anche solo per essere riconosciute come individui con diritti e doveri. A loro si collegano le ragazze degli anni 90, che sarebbero potute essere più spensierate delle loro mamme, ma queste ragazze saranno fortemente colpite dalle stragi siciliane del 1992, fatti che le condurranno anche nel loro piccolo a fare scelte che stravolgeranno la loro vita anche per il bene della collettività.

Certo è che le ragazze del nuovo millennio hanno qualche difficoltà a tenere testa a chi le ha precedute, ma sicuramente anche loro saranno un giorno testimoni del loro decennio.

Il tutto è sapientemente introdotto e condotto da Gloria Guida. Che a modo suo è stata una ragazza del suo decennio e icona immortale del cinema italiano.

Isabella la rivoluzionaria

isabel-tv-serie-e1538731925114

È dal mese di ottobre che seguo con interesse una serie in prima visione che va in onda tutti i mercoledì su Rai Premium.

La serie racconta la vita di Isabella di Castiglia, la sovrana spagnola a cui la corona iberica deve l’unificazione del regno e le basi di quello che sarebbe stato l’impero Spagnolo.

Isabel, questo il titolo della serie, è una produzione della tv spagnola, una produzione molto accurata soprattutto nella ricostruzione storica. La serie è suddivisa in tre stagioni, andate in onda in Spagna dal 2013 al 2016, in Italia sono trasmesse una dietro l’altra.

Nella prima stagione viene narrata la vita di Isabella dall’adolescenza fino al matrimonio con Ferdinando d’Aragona con un contorno di intrighi e lotte di successione per il trono di Castiglia.

Nella seconda stagione, quella al momento in corso su Rai Premium, assistiamo alla guerra interna al regno di Castiglia che condurrà Isabella sul trono, ma saranno anche gli anni della conquista del regno di Granada, dell’instaurazione del tribunale dell’Inquisizione, di Tommaso de Torchemada e di Cristoforo Colombo.

Nella terza e conclusiva stagione la storia si concentrerà sulla vita degli Infanti, ossia i figli nati dall’unione con Ferdinando, figli che saranno fatti sposare con i principali eredi dei regni europei per rafforzare le alleanze del regno di Spagna. Basti pensare che la principessa Giovanna sposerà Filippo d’Asburgo e dalla loro unione nascerà l’imperatore Carlo V, mentre la giovane Caterina sarà la sfortunata moglie del futuro re d’Inghilterra Enrico VIII. La serie si conclude con la morte della regina Isabella.

Ciò che mi ha colpito principalmente è il carattere di Isabella, fin da giovanissima ha sempre pensato con la sua testa, avendo come unico obiettivo quello di diventare regina di Castiglia. E una volta ottenuto questo traguardo ha posto il benessere del suo popolo al di sopra di qualsiasi cosa. Naturalmente questo atteggiamento l’ha condotta in più occasioni a fare delle scelte. Scelte che l’hanno costretta a sacrificare i suoi figli, suo marito e i suoi affetti più cari.

Trovo, inoltro, che gli intrighi, le congiure e i compromessi politici raccontati, come il sacrificare un interesse personale per quello che si crede un bene comune, sia quanto mai attuale. Isabella è caparbia e ostinata, riesce con grande determinazione a farsi largo fra una schiera di uomini che vogliono il potere del regno di Castiglia. Sceglie Ferdinando d’Aragona come suo sposo per poter sanare l’eterno conflitto con il regno d’Aragona e Catalogna. Ma i due una volta divenuti sovrani non riusciranno ad attuare una politica comune dei due regni. Così i Castigliani verranno sempre prima degli Aragonesi-Catalani e la cosa porterà ad un forte malcontento che si perpetuerà nei secoli e sfocerà nella terribile guerra civile spagnola degli anni 30 del Novecento. Contrapposizione che ancora oggi pone la Spagna al centro delle cronache internazionali.

È attuale anche la paura del diverso, tutti i problemi del regno di Castiglia e Aragona vengono addossati alla comunità ebraica che per prima sarà vittima delle persecuzioni e delle torture perpetrate dal tribunale della santa Inquisizione, voluto fortemente da Isabella.

Ecco, un difetto della sovrana era proprio questo, il suo maniacale cattolicesimo che oggi sarebbe stato considerato fondamentalismo. L’essersi eretta a portatrice della dottrina cattolica ha provocato solo danni non solo nel regno di Spagna, ma anche nelle future colonie oltre oceano.

A detta di tutti gli storici, però, Isabella è da considerarsi una rivoluzionaria, perché ha capito prima di altri che si vince solo se uniti, che al popolo è necessaria la pace, popolo che va posto al di sopra di ogni cosa.

I Sogni Son Desideri

principesse-disney-mostra-wow

È da circa 10 giorni o meglio da quando siamo entrati nel pieno periodo natalizio che la Rai ha dato inizio alla ormai tradizionale maratona della messa in onda dei film della Disney.

Quest’anno però le povere principesse della Disney sono state al centro di una polemica mossa da alcune star di Hollywood, come Keira Knightley e Kristen Bell, che hanno deciso di vietare alla loro figlie la visione delle favole Disney perché offrono un modello di donna superato.

Personalmente trovo la cosa un po’ esagerata, certo le donne di oggi sono anni luce lontane da Biancaneve o Cenerentola e meno male, ma a mio avviso le loro storie potrebbero essere lette in chiave moderna.

Prendiamo Cenerentola per esempio è una che si fa un mazzo così per anni e alla fine riesce a trovare la luce al di là del tunnel, luce che nel suo caso è rappresentata da un uomo, ma che oggi potrebbe essere un nuovo lavoro o un’opportunità che ti permette di cambiare drasticamente in meglio la tua vita.

Ariel, la sirenetta, non voleva essere come tutti gli altri, è una che è uscita dalla sua confort zone ed ha corso dei rischi per poter essere felice e realizzata e vogliamo poi parlare di Mulan?

Le favole della Disney sono delle metafore che possono essere benissimo spiegate alle bambine in una chiave contemporanea più vicina alla società moderna. E ultimamente queste è stata la chiave di lettura delle ultime produzioni della casa cinematografica di Orlando.

Certo è, che alle bambine va anche spiegato che non bisogna aspettare un uomo che ti salvi, che la chiave del successo non è la bellezza ma un’ottima istruzione, che l’amore non è sacrificio, né dipendenza, né violenza e che la donna ha pari diritti tanto quanto gli uomini.

In fondo il messaggio di queste favole e che bisogna sognare in grande e se ci credi e lavori duro quei sogni o desideri si possono trasformare in realtà. In fondo il motto di Walt Disney era se lo puoi sognare lo puoi fare, che poi è la moderna parabola di Obama Yes We Can.

Come tutte le polemiche anche questa sulle principesse Disney è inutile e svia l’attenzione dai veri problemi che incontrano le donne ogni giorno. Ha scritto Michela Marzano, filosofa, politica, saggista e accademica italiana su D. di Repubblica:

Ancora una volta, non si tratta di negare l’importanza del linguaggio o dell’immagini. Al contrario. Le parole che si usano e le rappresentazioni che si danno costruiscono l’immaginario collettivo, non è un caso che negli ultimi cartoni animati della Disney, appaiono eroine sempre più forti e diverse come Moana o Tiana. Cerchiamo però di non illuderci che la parità nella vita di tutti i giorni passi per un semplice “accordo di vicinanza“ o per il divieto di guardare Cenerentola e la Sirenetta.

E voi cosa ne pensate? Qual è la vostra favola Disney preferita? Io ho sempre adorato La Bella e la Bestia, ma quest’anno ho apprezzato molto Maleficient.

principi e principesse

L’Amica Geniale

lamica-geniale-film

C’era una volta un povero rione della Napoli degli anni 50 e c’erano due bambine Lila e Lenù che pur vivendo in famiglie umili con molte ristrettezze cercano con tutte le loro forze di riscattarsi.

Lila e Lenù sono le protagoniste della serie L’Amica Geniale andata in onda ieri sera su RAI 1 e tratta dal best seller omonimo scritto dalla misteriosa Elena Ferrante.

La serie coprodotta da Rai Cinema, Hbo, TimVision e Fandango era stata presentata all’ultima mostra del cinema di Venezia dove era stata molto apprezzata dalla giuria.

Le numerose aspettative createsi intorno a questa produzione diretta dal regista Saverio Costanzo hanno creato un vero e proprio conto alla rovescia fino a ieri sera.

Con tutta onestà ero un po’ scettica, in quanto ogni qual volta si generano questi fenomeni televisivi le aspettative sono sempre deluse, inoltre qualche hanno fa mi ero imbattuta nella lettura di un libro della Ferrante, L’Amore Molesto, e sinceramente non mi era piaciuto.

Di conseguenza in questi anni non ho neanche letto la quadrilogia di L’Amica Geniale, ma dopo ieri sera me ne sono pentita.

Quello che è visto ieri sera è un racconto così vero e viscerale che mi ha lasciato senza parole. Vero perché alcuni episodi narrati fanno parte di racconti che spesso ho ascoltato dalla voce delle mie nonne. Viscerale perché le emozioni di queste due bambine ti arrivano in maniera empatica.

Bimbe che devono lottare contro genitori che l’estrema misera porta a gesti irrazionali, genitori che vorrebbero dare di più ai loro figli ma non possono, genitori che cresciuti senza amore non riescono a darlo ai loro bambini.

Bimbe che a loro modo non ci stanno ad essere considerate inferiori solo perché femmine. Bimbe che lotteranno per la propria indipendenza.

L’Amica Geniale è una sorta di manifesto dell’emancipazione femminile, ma è anche la storia di un’amicizia.

Un’ amicizia quella fra Lila e Lenù fatta di grande complicità, ma anche rivalità. La ragazzina che agli occhi di tutti sembra essere la più forte e la più determinata, Lila è in realtà la più fragile. Mentre Elena, per tutti Lenù, così calma e mansueta sarà quella che colpirà tutti con il suo coraggio.

La vicenda delle due giovani protagoniste è inserita in una Napoli caratterizzata da un carosello di personaggi che rimanda alla storia della città e in un certo senso alla storia dell’intero paese.

Non avendo letto il libro non posso fare il confronto, ma devo dire che sia l’interpretazione delle due piccole protagoniste sia la scenografia, i costumi e la sceneggiatura sono davvero straordinari.

E voi cosa ne pensate. Avete visto la serie ieri sera. Chi di voi ha letto libro e mi può dire la sua sul confronto? Aspetto i vostri commenti.

 

ALICE E’ TORNATA

Ieri sera su RAI 1 è andata in onda la seconda stagione de L’ALLIEVA, che racconta le avventure di Alice Allevi, l’imbranata ma intuitiva specializzanda in medicina legale, nata dalla penna della messinese Alessia Gazzola.

Romanzi che ho adorato e che la serie Rai è riuscita a rendere molto bene. In questa seconda stagione si capisce che siamo un po’ lontani dalla ragazza pigra, impacciata, che abbiamo conosciuto nella prima stagione e a detta di molti neanche portata per il lavoro di medico legale, dato che prova un certo disgusto ad eseguire le autopsie. Ma fin dalla prima indagine, la morte della giovane Giulia Valenti al centro del primo romanzo L’Allieva, emergono le grandi doti di Alice, interpretata da Alessandra Mastronardi, ossia un gran intuito e un forte senso dell’osservazione, doti che non sfuggiranno all’ispettore di polizia Roberto Galligaris. Che chiederà una collaborazione con la nostra sbadata dottoressa. Doti investigative che anche in questa seconda stagione faranno emergere la nostra specializzanda, soprattutto nel primo episodio, Le Ossa della Principessa.

l'allieva

A far da cornice a i diversi casi di omicidio non ritroviamo più il triangolo amoroso fra Alice, Claudio Conforti e Arthur Malcomess. Sembra che Alice sia riuscita a fare la sua scelta. A loro da ieri si è aggiunto il bel pubblico ministero Sergio Einaudi, interpretato da Giorgio Marchesi, che ha un passato burrascoso col dottor Conforti. Bel pubblico ministero che riporterà lo scompiglio nel cuore di Alice. Quest’ultima perennemente afflitta dalla sindrome da cuore in sospeso.

Claudio Conforti, detto anche CC, i cui panni sono vestiti da Lino Guanciale, non riesce a dare alla ragazza ciò che lei si aspetta. Ragazza che è ormai stufa del suo comportamento, Claudio, infatti, come diretto superiore di Alice è quello che più la umilia e ridicolizza davanti agli altri specializzandi, ma allo stesso tempo l’uomo prova una certa tenerezza verso la ragazza che sarà sempre più confusa dal suo strano comportamento. Non dimentichiamoci poi della storia con Arthur Malcomess, che ha il volto di Dario Aita, il reporter e figlio del Supremo, ossia il primario dell’istituto di medicina legale. Arthur, in un primo momento sembra il principe azzurro di Alice o almeno lei così lo idealizza, ma il ragazzo ha una personalità molto complessa, follemente innamorato del suo lavoro non riesce a mettere radici e il più delle volte risulta sfuggevole e narcisista. Cosa succederà in questa seconda stagione?

Alice è un’eroina che ti coinvolge fin da subito, un’eroina che fra un cadavere dimenticato in corridoio, analisi di laboratorio scambiate, computer distrutti, amori, dolori, soddisfazioni e crisi di panico ci fa morire da ridere. Un’eroina che ha come compagno d’avventure l’umorismo. Quest’ultimo è la chiave di lettura dell’opera di Alessia Gazzola.

Chiave presente anche nella fiction così come la tecnica narrativa semplice, che ogni tanto si arricchisce di un linguaggio tecnico come quello della medicina legale. Chiave di lettura che ci consegna un’opera con una miscela di ironia e humor che ha fatto dei romanzi uno dei più importanti fenomeni editoriali degli ultimi anni e della fiction prodotta da Rai Fiction e realizzata da Endemol Shine Italy un successo di pubblico inaspettato.

Certo ieri sera lo share è stato un po’ bassino, ma la concorrenza era spietata, fortuna che non ha vinto il GFV, ma XF12.

Lallieva-2-anticipazioni-e-data-di-inizio-fiction-Raiuno