Pubblicato in: film

Non è mai troppo tardi

Non è mai troppo tardi per essere ciò che avresti potuto essere.

Questa frase di George Eliot sembra fatta apposta per il nuovo film con la mitica JLO.

Ricomincio da Me è la storia di una quarantenne Maya, Jennifer Lopez, che dopo 15 anni di duro lavoro come vice direttore in un supermercato spera che sia arrivata la volta buona per una promozione e migliorare la sua vita. Invece la direzione della sua azienda le preferisce il solito laureato con tanto di master.

Stufa e amareggiata, Maya, aiutata da i suoi più cari amici, si inventa un curriculum e una vita strepitosa sui social network e riesce a farsi assumere come consulente di marketing da una grande aziende che produce cosmetici.

Per Maya non sarà facile assecondare le bugie che ha costruito, bugie che l’ha obbligheranno a fare i conti col suo triste passato e con la paura del presente.

Quando aveva sedici anni rimase incinta e fu costretta a dare la bambina in adozione. Questa dura decisione conduce Maya a considerarsi non idonea ad avere una famiglia, così quando Tray, il suo compagno, le chiede di sposarlo Maya rifiuta e decide di gettarsi a capo fitto nel nuovo lavoro.

La donna, comunque, riesce a mettersi in gioco e a costruirsi una seconda chance nella vita.

Ricomincio da Me è la tipica commedia americana, una commedia degli equivoci con un finale quasi scontato. Film leggero e piacevole, che consiglio vivamente.

Anche perché, personalmente mi sono un po’ ritrovata nella storia di Maya. Anch’io come lei ero infelice della mia vita. A causa di scelte sbagliate ero costretta a fare un lavoro che non mi piaceva e mi sentivo frustrata e inadeguata. Come Maya ho avuto il coraggio di mollare tutto e di ricominciare.

Come dice Maya, alla fine del film, e come dice George Eliot, ognuno di noi può essere quello che vuole, l’unica cosa che ci blocca siamo noi stessi, con le nostre paure e i nostri pensieri negativi.

Altra tematica toccata dal film è quella della doppia vita che ognuno di noi si è costruito, la vita virtuale e quella reale che il più delle volte è anni luce lontana dalla prima. Vita virtuale dove tutti dobbiamo apparire belli, felici e appagati, dove spesso ci costruiamo un’immagine che non ci appartiene.

Il film sancisce il ritorno di JLO sul grande schermo. Jennifer, è bellissima, ormai lontana dai tempi di Jennifer from the Block, sfoggia un corpo tonico e scultorio come a dire io non ho cinquant’anni.

Il film prodotto dalla stessa Lopez, è diretto da Peter Segal, fra gli altri interpreti troviamo Vanessa Hudgens, Treat Williams e Milo Ventimiglia.

Chi di voi l’ha visto?

coverlg_home

Pubblicato in: film

I Moschettieri del re

moschettieri-del-re-2018-giovanni-veronesi-recensione-cov932-932x460

L’ultimo film scritto e diretto da Giovanni Veronesi, I Moschettieri del Re- La penultima missione, è un modo piacevole per trascorrere due ore in pieno divertimento.

Si ride dall’inizio alla fine e ti dimentichi del lavoro, della famiglia e di ogni sorta di problema.

Siamo in una fantasiosa Francia del 1650 o suppergiù, la regina Anna usurpata nel suo ruolo di comando dal terribile cardinale Mazzarino, va alla ricerca dei famosi moschettieri per assegnare loro una difficile e segreta missione. Ma le speciali guardie reali le cui gesta erano diventate leggenda si presentano al cospetto della regina con un aspetto assai invecchiato e trasandato: D’Artagnan fa il maialaro e si esprime con uno strano linguaggio, Athos è affetto da diversi disturbi fisici causati da eccessi e dallo scorrere del tempo, Aramìs ha abbracciato la vita religiosa e non si ricorda neanche come si impugna un’arma e poi c’è Porthos che triste e infelice si è dato alla depressione più profonda.

La convocazione della regina sprona i quattro e rivivere le glorie e i divertimenti di gioventù e seppur vecchi e rincoglioniti accettano di buon grado di aiutare la sovrana.

La loro missione sarà costellata da equivoci ed errori comico/esilaranti, ma a dispetto dei pronostici i nostri quattro moschettieri riusciranno nel loro intento.

Quattro moschettieri che hanno il volto di quattro bravi attori italiani molto apprezzati dal pubblico. D’Artagnan ha il volto di Pierfrancesco Favino, Athos di Rocco Papaleo, Aramìs è Sergio Rubini, mentre Porthos è Valerio Mastrandrea.

Attori che hanno molto personalizzato i personaggi che interpretano senza la cui bravura il film sarebbe risultato la solita sempliciotta commedia all’italiana.

Basti pensare che Papaleo, Rubini e Mastrandrea recitano con i loro dialetti e Favino si esprime in una sorta di francese italianizzato sgrammaticato.

Ma anche il resto del cast non è da meno: la regina Anna è interpretata da Margherita Buy, il cardinale Mazzarino da Alessandro Haber, Valeria Solarino nei panni di una giovane rivoluzionaria e poi c’è Matilde Gioli che interpreta la dama di compagnia della regina che insieme a nostri attempati moschettieri ne combina di tutti i colori.

La storia è liberamente ispirata al romanzo Vent’anni Dopo di Alexander Dumas. L’intento di Genovese era quello di creare una metafora con i tempi odierni e lo fa utilizzando la fantasia disarmante che solo un bambino può avere. Intento che è un po’ fallito in quanto la parte conclusiva del film è un po’ slegata dal resto della narrazione.

Ripeto, il film è riuscito soprattutto grazie al gruppo di attori, che bene o male rappresentano il meglio che il cinema italiano ha da offrire.