Pubblicato in: city

Donne di Messina

In onore della festa delle donne voglio raccontarvi la storia di due mie concittadine che durante la rivolta dei Vespri Siciliani si distinsero per coraggio e intraprendenza guidando la città dello stretto durante la rivolta contro l’odiato dominatore francese.

DSC05408

La rivolta dei Vespri scoppiò il 30 marzo del 1282 a Palermo inseguito ad uno stupro da parte di un soldato francese ai danni di una ragazza siciliana, l’atto di violenza fu la miccia che accese la rivolta dettata da un malcontento che già da tempo animava l’animo dei siciliani.

Nell’infinita guerra fra guelfi e ghibellini, papa Clemente V deciso a cancellare il regno normanno/svevo scagliò contro quest’ultimo il re francese Carlo D’Angiò che purtroppo ebbe la meglio sulle armate di re Manfredi, figlio dell’imperatore Federico II, a Benevento il figlio dello Stupor Mundi veniva ucciso in battaglia, due anni più tardi lo stesso destino aspetterà al giovane Corradino ultimo erede maschile della corona del regno siciliano, corona che cadrà sul re francese Carlo D’Angiò. Re che cancellerà con tutti i mezzi in suo possesso la libertà, la cultura e le tradizioni che il popolo siciliano aveva acquisito con la dinastia normanno/sveva. Venne in primis spostata la capitale del regno da Palermo a Napoli, venne ripristinata la primitiva pratica dello jus primae noctis e successivamente ebbero inizio gli stupri, i saccheggi, violenze e prevaricazioni di ogni genere.

La rivolta dei Vespri da Palermo divampò su tutta l’isola tanto da costringere l’Angioino a muovere le sue truppe che per invadere l’isola dovevano prendere Messina, porta della Sicilia. Ma la città non cedette all’attacco francese. Ebbe inizio così l’assedio di Messina che durò da giugno fino a settembre. Lo scontro che costrinse i francesi alla ritirata avvenne la sera dell’8 agosto 1282.

Da mesi ormai la flotta messinese fatta per lo più da pescherecci e navi mercantili riusciva a impedire lo sbarco sulle coste siciliane della flotta francese. Alaimo da Lentini, il coraggioso capitano che coordinava i messinesi, temeva però un attacco francese dalle colline che sovrastano Messina per questo aveva messo un gruppo di uomini di guardia soprattutto sul colle della Capperina dove le mura della città erano più deboli. Questi uomini provati dalla stanchezza si addormentarono senza accorgersi che i francesi stavano per attaccare la città proprio dalla Capperina. Quella sera però di ronda c’erano anche due ragazze Dina e Clarenza che accortesi del pericolo corsero a suonare le campane della cattedrale. Campane che destarono l’intera cittadinanza. Iniziò lo scontro. Dina e Clarenza si posero a testa delle truppe messinesi e furono da esempio per le altre donne che decisero di combattere al fianco dei propri uomini in nome della libertà. La battaglia fu terribile ma alla fine Messina ebbe la meglio. Non sappiamo se Dina e Clarenza sopravvissero allo scontro, in realtà non sappiamo altro su queste giovani se non il fatto che combatterono con coraggio durante i Vespri.

Il 26 settembre 1282 solcava le acque dello stretto, Pietro d’Aragona, marito di Costanza figlia del re Manfredi e legittima erede del regno di Sicilia, l’aragonese mette fine all’assedio di Messina restituendo dignità al popolo siciliano.

Le figure di Dina e Clarenza sono entrate di diritto nell’immaginario leggendario siciliano, Messina le ha volute ricordare ponendo due statue che le raffigurano sul campanile della Cattedrale col compito di rintoccare ogni giorno a mezzogiorno le campane, proprio come quel lontano 8 agosto 1282.

DSC05404

Sono molte le donne siciliane che con il loro coraggio sono diventate simbolo di libertà e resistenza.

Forse noi tutte, dovremmo prendere esempio da loro e iniziare a combattere affinché ci venga riconosciuto il nostro posto nella società.

Oggi noi donne facciamo paura. Paura che ci mette all’angolo e che ci impedisce di lottare, di ribellarci ad una società che ci vuole solo moglie e madri, di sottrarci a uomini violenti, è di ieri infatti la notizia dell’ennesimo femminicito consumato proprio a Messina.

Ha ancora senso l’8 marzo, ha ancora senso festeggiare le donne quando poi in realtà non siamo neanche considerate?

 

Pubblicato in: serie tv

STORIE DI DONNE

Oggi festa della donna vorrei riproporre sul blog uno dei miei primi post dove ho recensito una serie televisiva, che a mio avviso, onora la donna in qualità di lavoratrice, madre, amica, moglie, sorella e membro della società i cui diritti dovrebbero essere pari ai suoi doveri. In un periodo in cui forte è l’odio verso noi donne, basti pensare al terribile episodio di Cisterna di Latina della settimana scorsa, occorre riflettere sull’idea che la donna non è il mostro della società moderna, ma bensì il baluardo, il pilastro su cui si regge ogni singola società ricca o povera che sia. Personalmente trovo ipocrita l’atteggiamento dei nostri tempi che osanna la donna l’8 marzo ma che poi la deride, la umilia e la massacra per tutto il resto dell’anno.

CALL THE MIDWIFE- L’AMORE E LA VITA, è una serie prodotta e realizzata dalla BBC e racconta la vita di un gruppo di levatrici nella Londra di fine anni 50. In Italia le prime due serie sono andate in onda su rete quattro, le altre tre sono disponibili su Netflix.

Protagonista delle prime tre serie è la giovane Jenny Lee, che appena diplomata alla scuola per infermiere, viene assegnata alla Nonnatus House in qualità di levatrice. La Nonnatus House si trovava nel quartiere di Pop Lar che insieme ai Docklands rappresentava gli East End di Londra.

Gli East End, alla fine degli anni 50 erano la zona più povera e degradata della capitale inglese, zona che venne poi demolita per far posto alla City.

La Nonnatus House era una sorta di progenitore degli odierni consultori ginecologici ma era anche un convento, infatti le infermiere laiche erano affiancate da un gruppo di suore cattoliche nella difficile ma emozionante attività d’ostetricia.

Jenny è una ragazza introversa e assai particolare, proveniente dal ceto medio, avrà qualche problema ad adattarsi ai ritmi e al degrado di Pop Lar. Sarà aiutata dalle sue colleghe Beatrix e Cynthia. La prima appare frivola e molto volitiva, ma col trascorrere delle serie maturerà diventando un punto di riferimento per tutte le donne del quartiere. Cynthia attraverserà una profonda crisi esistenziale che la condurrà a diventare suor Mary Cynthia. Al trio si aggiungerà la giunonica Camilla, appartenente ad una famiglia molto benestante che non accetta la sua scelta lavorativa, porterà una ventata di divertimento nella religiosa Nonnatus House.

Il gruppo delle suore che popola la Nonnatus è quanto mai variegato. Suor Julienne è la madre superiora, guida spirituale del convento e dell’attività d’ostetricia. Suor Evangelina, ex membro della resistenza britannica durante la guerra, è energica e autoritaria, difficilmente accetta le novità dettate dalle nuove scoperte mediche, come ad esempio il latte in polvere. Suor Bernadette è fra le levatrici una delle migliori, ma come Cynthia attraverserà una profonda crisi che la condurrà ad una drastica decisione. Al gruppo si aggiungerà Suor Winifred e per ultima ma non meno importante Suor Monica Joan che con i suoi 90 anni è la più svampita ed eccentrica di tutto il convento.

Pedalando su e giù per le vie del quartiere Jenny e le altre non dovranno fare i conti solo col degrado e la miseria, ma anche con tutta una serie di situazioni che vedono come protagoniste le donne.

Molte di queste donne vengono sfruttate, violentate o semplicemente emarginate dalla società solo perché DONNE!

Dietro tanto degrado ed emarginazione si manifesta lo spettacolo più bello di cui solo le donne sono le indiscusse protagoniste: la nascita di una nuova vita. La maternità però non è l’unico tema trattato, si parla di aborto, di bio testamento, di vaccinazioni e di parità di diritti fra uomini e donne. Tutti temi fortemente attuali. Ma la vera chiave di lettura della fiction è la solidarietà femminile, è la storia dell’amicizia fra un gruppo di donne che fanno squadra per il bene della collettività.

Ben presto al gruppo di giovani levatrici se ne aggiungono delle altre, Barbara Gilbert, figlia di un pastore protestante si contenderà con Trixi il bel padre Tom; Patsy Mouth, sopravvissuta da ragazzina ai campi di concentramento giapponesi, deve vivere nell’ombra per poter nascondere la sua omosessualità; infine Phyllis Crane, donna matura, diventerà un punto di riferimento per le giovani colleghe sia nel lavoro che nella vita. Da non dimenticare il dott. Turner, medico della mutua, è il pilatro portante di tutto il quartiere, vedovo e con un figlio adolescente incrocerà il suo destino con quello di Suor Bernadette.

La serie è tratta dalle memorie di Jennifer Worth ed è scritta così bene da farti emozionare ad ogni singola puntata. Buona parte di ciò che è raccontato corrisponde ad episodi realmente accaduti. Ti racconta di un mondo che non c’è più, di una figura, quella della levatrice che ha lasciato il passo alle moderne ostetriche, una figura che in un mondo che sapeva ancora di guerra e di miseria ti rassicurava e ti aiutava in uno dei momenti più difficili ma allo stesso tempo straordinari nella vita di una donna, quello di mettere al mondo tuo figlio.

 

P.S.

Sempre sul blog potete trovare la recensione di un’ altra serie che onora l’8 marzo, il titolo del post è QUANDO LE DONNE DIVENTANO PROTAGONISTE DELLA STORIA.

 

 

Call-the-Midwife-e1500054014655