In una Pasqua che sembrava Natale, in una primavera che non vuole arrivare e ci ha costretto, in riva allo Stretto, a organizzare grigliate e pic-nic col capotto e il k-way. In un clima uggioso costernato da vento di scirocco e da quella pioggerellina odiosa, ho deciso di combattere la noia andando al cinema, trovando scarse soluzioni alla mia inquietudine. Alla fine la scelta è caduta sull’ultimo film della Cortellesi, che devo dire la verità, mi ha un po’ deluso.

Cosa Ci Dice Il Cervello riporta sul grande schermo Paola Cortellesi nei panni della protagonista e sceneggiatrice diretta dal marito Riccardo Milani. La vicenda ruota intorno a Giovanna, Paola Cortellesi, una donna normale, separata con una bimba piccola, con un lavoro al ministero e un appartamento che divide con la madre, Carla Signoris, in piena crisi di mezza età. Giovanna è una donna anonima che si destreggia con grande difficoltà nella quotidianità della vita. Tutti, a cominciare dalla madre, le rimproverano il suo essere invisibile e il suo lavoro noioso da impiegata al ministero. In realtà questo è solo una copertura, perché Giovanna è un agente dei servizi segreti e nel suo lavoro è anche molto brava.

Un giorno la donna incontra la sua compagna di banco del liceo, Claudia Pandolfi, che la invita ad una cena con i vecchi compagni di scuola. Qui Giovanna ascoltando i racconti e le vite dei suoi vecchi amici, inizia a riflettere sulla società in cui siamo costretti a vivere una società dove non c’è più rispetto per il prossimo, dove tutti sanno tutto di tutti, dove internet ci ha reso spavaldi e pretendiamo di sostituirci a medici, insegnanti, allenatori o ingegneri. Una società dove chi non la pensa come noi deve essere attaccato, dove libertà è diventato sinonimo di fare quello che si vuole senza però rispettare l’altro. Dove l’ignoranza, la noia e la maleducazione la fanno da padrona.

Giovanna decide allora di aiutare i suoi amici servendosi del suo lavoro, ma la cosa le sfuggirà di mano.

Paragonando questo film agli altri realizzati dalla coppia Cortellesi/Milani, Cosa Ci Dice il Cervello appare un po’ noioso, mancano le battute esilaranti e quella satira sottile e disarmante. Penalizzante la mancanza di Raul Bova? Che in Nessuno Mi può Giudicare e in Scusate Se Esisto è stato una spalla inaspettata e perfetta della Cortellesi.

Il bravo Stefano Fresi chiamato a sostituire il bel Raul fa fatica, in tutti i sensi, a stare al fianco della Cortellesi.

Nel cast ci sono inoltre Vinicio Marchioni, Remo Girone, Lucia Mascino e Giampaolo Morelli. Tutti bravi, tutti molto ben diretti, ma alla fine il risultato è stato quella della solita commedia italiana a cui il nostro cinema ci ha abituato. Negli altri film precedenti, dietro le risate vi era una profonda analisi della vicenda vissuta dalla protagonista, analisi che induceva lo spettatore a riflettere sulle tematiche evidenziate dal racconto cinematografico.

Questa volte l’intento di far riflettere lo spettatore sulla triste condizione della società italiano non so se è stato centrato.

A pensare alla coppia seduta dietro di me e che ha chiacchierato per tutta la durata del film, penso proprio di no.

film-Ma-cosa-ti-dice-il-cervello

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: