I Moschettieri del re

moschettieri-del-re-2018-giovanni-veronesi-recensione-cov932-932x460

L’ultimo film scritto e diretto da Giovanni Veronesi, I Moschettieri del Re- La penultima missione, è un modo piacevole per trascorrere due ore in pieno divertimento.

Si ride dall’inizio alla fine e ti dimentichi del lavoro, della famiglia e di ogni sorta di problema.

Siamo in una fantasiosa Francia del 1650 o suppergiù, la regina Anna usurpata nel suo ruolo di comando dal terribile cardinale Mazzarino, va alla ricerca dei famosi moschettieri per assegnare loro una difficile e segreta missione. Ma le speciali guardie reali le cui gesta erano diventate leggenda si presentano al cospetto della regina con un aspetto assai invecchiato e trasandato: D’Artagnan fa il maialaro e si esprime con uno strano linguaggio, Athos è affetto da diversi disturbi fisici causati da eccessi e dallo scorrere del tempo, Aramìs ha abbracciato la vita religiosa e non si ricorda neanche come si impugna un’arma e poi c’è Porthos che triste e infelice si è dato alla depressione più profonda.

La convocazione della regina sprona i quattro e rivivere le glorie e i divertimenti di gioventù e seppur vecchi e rincoglioniti accettano di buon grado di aiutare la sovrana.

La loro missione sarà costellata da equivoci ed errori comico/esilaranti, ma a dispetto dei pronostici i nostri quattro moschettieri riusciranno nel loro intento.

Quattro moschettieri che hanno il volto di quattro bravi attori italiani molto apprezzati dal pubblico. D’Artagnan ha il volto di Pierfrancesco Favino, Athos di Rocco Papaleo, Aramìs è Sergio Rubini, mentre Porthos è Valerio Mastrandrea.

Attori che hanno molto personalizzato i personaggi che interpretano senza la cui bravura il film sarebbe risultato la solita sempliciotta commedia all’italiana.

Basti pensare che Papaleo, Rubini e Mastrandrea recitano con i loro dialetti e Favino si esprime in una sorta di francese italianizzato sgrammaticato.

Ma anche il resto del cast non è da meno: la regina Anna è interpretata da Margherita Buy, il cardinale Mazzarino da Alessandro Haber, Valeria Solarino nei panni di una giovane rivoluzionaria e poi c’è Matilde Gioli che interpreta la dama di compagnia della regina che insieme a nostri attempati moschettieri ne combina di tutti i colori.

La storia è liberamente ispirata al romanzo Vent’anni Dopo di Alexander Dumas. L’intento di Genovese era quello di creare una metafora con i tempi odierni e lo fa utilizzando la fantasia disarmante che solo un bambino può avere. Intento che è un po’ fallito in quanto la parte conclusiva del film è un po’ slegata dal resto della narrazione.

Ripeto, il film è riuscito soprattutto grazie al gruppo di attori, che bene o male rappresentano il meglio che il cinema italiano ha da offrire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...