“Tutte le famiglie felici sono simili fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”.

Lev Tolstoj

L’incipit di Anna Karenina mi è venuto in mente ieri sera dopo aver visto il nuovo film di Gabriele Muccino, A CASA TUTTI BENE. Il regista romano con questo film torna a quello che è il suo tema preferito, ossia il dramma della sua generazione: uomini adulti che non accettano l’idea di crescere, di assumersi delle responsabilità, alla ricerca disperata di un equilibrio e di quel qualcosa chiamato felicità.

Al centro della vicenda troviamo la famiglia Ristuccia. Alba (Stefania Sandrelli) e Pietro (Ivano Marescotti) sono una coppia di pensionati che ha deciso di trasferirsi su un’isola. In occasione delle nozze d’oro, organizzano un pranzo al quale partecipano figli e nipoti. La coppia ha tre figli: Carlo (Pierfrancesco Favino), Sara (Sabrina Impacciatore) e Paolo (Stefano Accorsi). I primi due gestiscono brillantemente il ristorante di famiglia, la stessa cosa però non si può dire delle loro rispettive famiglie.

Carlo si divide fra due famiglie. Se da un lato la prima moglie Elettra (Valeria Solarino) appare comprensiva e amichevole, la seconda moglie Ginevra (Carolina Crescentini), donna insicura e paranoica, è fonte di guai. Anche Sara, la perfettina della famiglia fa finta di non vedere i continui tradimenti del marito Diego (Giampaolo Morelli). E poi c’è Paolo, l’eterno Peter Pan o l’artista di famiglia dipende da quale prospettiva lo si guardi, che a 42 anni deve ancora capire cosa fare della sua vita.

A loro si aggiungono altri parenti: zia Maria (Sandra Milo) e i suoi due figli Sandro (Massimo Ghini) con la moglie Beatrice (Claudia Gerini) e Riccardo (Gianmarco Tognazzi) con la compagna Luana (Giulia Michelini), su questi personaggi non vi dico niente perché sono le interpretazioni più belle e solo per questo vi consiglio di andare a vedere il film.

Dicevamo che tutti si ritrovano per festeggiare le nozze d’oro di Alba e Pietro. A causa del maltempo però, nessuno può lasciare l’isola e la convivenza forzata porta inevitabilmente al confronto tra i vari membri della famiglia, a volte allegri, a volte drammatici, riaccendendo invidie e gelosie, facendo riemergere paure e questioni mai risolte.

Il film non è né bello e né brutto, Muccino ci ha voluto dare la sua personale visione della famiglia moderna, la trama è un po’ scontata e come sempre accade ormai da un po’ di tempo con i film di Muccino quello che fa la differenza è il cast.

Un cast di primordine che va con la personalizzazione dei personaggi a riempire gli spazzi vuoti di una sceneggiatura non proprio brillante. Come sempre maggiore attenzione è stata riservata ai personaggi maschili, mentre per la prima volta le donne non sono state inserite sotto quella dimensione misogina tipica di Muccino. Sono donne vere, donne forti, donne con insicurezze e fragilità, donne del nostro tempo.

Se L’ULTIMO BACIO raccontava la paura dei trentenni di diventare adulti, A CASA TUTTI BENE parla della paura dei cinquantenni ad avere sprecato la propria esistenza non avendo vissuto realmente la vita. Una generazione che si sente fallita paragonandosi ai propri genitori che sono riusciti a realizzare i propri sogni o semplicemente qualcosa di bello come una famiglia, un qualcosa da cui si scappa sempre ma che alla fine ti risucchia come una calamita.

A casa tutti bene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: