September 10th, 1955, New York City

September 10th, 1955, New York City

Era alta più di un metro e ottanta, era goffa e per niente aggraziata. Si manteneva facendo la tata presso ricche famiglie borghesi, ma la sua vera passione era la fotografia. Vivian Maier (1926- 2009) ha fotografato di tutto per le vie di New York, Chicago e Los Angeles; immortalando in ogni scatto la quotidianità della vita.

Per i critici odierni è considerata la madre della street- photography e la sua storia ha dell’incredibile: fino al 2007 nessuno conosceva il talento di questa incredibile artista perché Vivian non era solita sviluppare i suoi rullini, inoltre era gelosissima dei suoi lavori tanto da non mostrarli a nessuno. Fino a quando John Maloof, scrittore e giornalista americano, mentre cercava materiale fotografico per illustrare un libro sulla storia di Chicago, si imbatté nella tata/fotografa. L’uomo si aggiudicò ad una battuta d’asta per meno di 400 dollari un baule pieno di fotografie in bianco e nero, pellicole non sviluppate, stampe e filmini. In quel baule c’era tutto il lavoro di Vivian che ormai anziana e poverissima fu costretta a mettere tutti i suoi beni all’asta. La donna morì poco dopo e Maloof non fece in tempo a farla sapere che aveva le sue foto e che era disposto ad organizzare delle mostre per farla conoscere in tutto il mondo.

Tra queste c’è la mostra curata da Anne Morin e Alessandra Mauro che sta facendo il giro del nostro paese e dal 27 ottobre dello scorso anno è arrivata a Catania. Presso la fondazione Puglisi Cosentino in via Vittorio Emanuele II, trovate 120 scatti che Vivian Maier realizzò tra gli anni Cinquanta e Sessanta e anche alcune deliziose immagini a colori di una quarantina di anni fa, insieme a brevi video e filmati in super 8.

Vivan-Maier

Con la sua Rolleiflex appesa al collo, sostituita poi da una Leica, Vivian ha catturato nelle sue foto la vita a New York e a Chicago. Con uno sguardo attento e curioso è riuscita ha ritrarre quelle imperfezioni e quei particolari che rendono unico un viso, un tramonto, la facciata di un edificio, un bambino o un anziano; in poche parole ha catturato la vita che le scorreva davanti agli occhi per strada. Immagini potenti, di una folgorante bellezza che rivelano tutto il talento di questa grande fotografa.

Vivian_Maier_B_22

Qui trovate alcune delle foto esposte a Catania presso la fondazione Puglisi Cosentino

mayer8

Tutte le foto esposte a Catania fanno parte della collezione VIVIAN MAIER/MALOOF COLLECTION, COURTESY HOWARD GREENBER GALLERY, NEW YORK.

Presso la fondazione catanese è stato realizzato inoltre un percorso per i più piccoli dove viene spiegato loro cosa fosse un rullino e una pellicola.

170316_maier

Vivian Maier ha stravolto il concetto di fotografia in maniera silenziosa, tata on the road ha scritto attraverso le sue foto il racconto di un America che stava cambiando sia dal punto di vista culturale che sociale.

Affrettatevi perché la mostra a Catania sarà aperta fino al 18 febbraio. Mi piacerebbe conoscere la vostra opinione su questa artista, chi di voi ha visto la mostra? Cosa pensate di queste foto e che mi dite della fotografia? Siete tipi da selfi o vi piace realizzare foto un po’ più professionali magari con l’ausilio di una buona macchina fotografica?

images    8d29bc97-312d-4480-a4b8-029c7dcc3cea

 

6 risposte a "VIVIAN MAIER, LA FOTOGRAFA RITROVATA"

  1. giusymar ha detto:

    Che spettacolo di foto!
    Avevo sentito parlare in passato della Maier, ma purtroppo non ho visto la sua mostra.
    Io adoro fotografare . E’ sempre stata una mia passione.
    Qualche mese fa mi sono regalata una macchina fotografica, una Nikon.
    Non è nuova, anche se per me è già stato un grande investimento. Chi me l’ha venduta mi ha promesso di organizzare un corso, ed io non vedo l’ora!!
    Ho così tanto da imparare

    Mi piace

    1. Anch’io ho acquistato da poco una Sony e ogni momento libero me ne vado in giro per la mia città a fare foto.

      Liked by 1 persona

      1. giusymar ha detto:

        Trovo che una macchina fotografica possa diventare una cara compagna di viaggio e di avventure! Buon divertimento!

        Mi piace

  2. Serena ha detto:

    Decisamente preferisco scattare foto un poco più professionali. Ho una DSLR da quando avevo 17 anni e, sebbene una volta uscissi a fare fotografie in strada, ora me ne rimango tappata in casa per il troppo imbarazzo! Quando sono in giro a scattare, ho sempre la sensazione che la gente mi guardi :/

    Mi piace

    1. Spesso ho anch’io questa sensazione, ma sto cercando d’ignorarla.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: