LE IDEE NON SI SPEZZANO MAI.

Emanuela era una ragazza come tante, piena di vita e di sogni da realizzare. Nata in un paesino vicino Cagliari, dopo il diploma magistrale accompagna la sorella per un concorso in Polizia ma viene scelta lei. Arruolatasi all’età di 20 anni, compie il suo percorso alla scuola allievi di Trieste e poi viene trasferita direttamente a Palermo.

Ad Emanuela piace quel mestiere che le è caduto addosso quasi per caso, le piace Palermo che gira in lungo e largo sulla sua vecchia Fiat Panda rossa targata Cagliari, giri nei quali spesso e volentieri è accompagnata dai colleghi con i quali ha costruito profondi legami d’amicizia. Primo fra tutti Antonio Montinaro, capo scorta del giudice Giovanni Falcone. Ed è proprio dopo la strage di Capaci dove perdono la vita il giudice e Antonio, che Emanuela sarà trasferita alla sezione scorte. Trasferimento che la ragazza accetta volentieri perché in qualche modo vuole onorare la morte di Montinaro e degli altri colleghi morti a Capaci. Emanuela verrà assegnata alla scorta del giudice Paolo Borsellino e nel soleggiato pomeriggio del 19 luglio 1992 verrà uccisa da un auto bomba insieme al giudice e ai quattro colleghi della scorta: Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Limuli e Claudio Traina. Emanuela aveva soltanto 24 anni ed è stata il primo poliziotto donna a morire in servizio.

taglioAlta_001493-1024x640

Le foto di questo post sono state scaricate dal sito Tvzap. 

Questa la storia narrata dal film LA SCORTA DI BORSELLINO- EMANUELA LOI andato in onda ieri sera su Canale Cinque. Un film che ci ha regalato uno splendido ritratto di questa giovane donna che con coraggio non si è sottratta al suo dovere. Nei panni di Emanuela c’era la bravissima Greta Scarao, Riccardo Scamarcio ha prestato il volto ad Antonio Montinaro e Ivana Lotito vestiva i panni di Claudia Loi, sorella di Emanuela.

LA SCORTA DI BORSELLINO- EMANUELA LOI è il terzo film della serie LIBERI SOGNATORI, prodotta da Taodue per Mediaset. Serie che racconta quattro grandi storie italiane di impegno civile. Storie di uomini e donne, cittadini, giornalisti e forze dell’ordine che grazie alle loro battaglie hanno reso il nostro paese migliore, pagando con la vita i loro ideali di verità e giustizia. Quattro sceneggiature molto fedeli alla realtà, in quanto la produzione ha voluto che fossero i parenti di questi piccoli grandi eroi a scriverle a quattro mani con gli sceneggiatori. Le storie raccontano i ricordi di Pina Grassi, Giulio Francese, Claudia Loi e Viviana Matrangola.

La serie LIBERI SOGNATORI è iniziata domenica 12 gennaio con il film LIBERO GRASSI- A TESTA ALTA. Libero Grassi (Giorgio Tirabassi) fu il primo imprenditore palermitano a rifiutarsi di pagare il pizzo. La sua fu una campagna contro la mafia ma anche contro l’omertosa società civile siciliana che lo isolò. La mafia decise di ucciderlo nel 1991 come monito a chi osava sfidare il loro potere. Se da un lato la società lo lasciò da solo, la sua famiglia nelle persone di sua moglie Pina (nel film interpretata da Michela Cescon) e sua figlia Alice (Diane Fleri) si è battuta per il varo della legge anti-racket 172 e all’istituzione di un fondo di solidarietà per le vittime di estorsione. Inoltre a Palermo sull’esempio di Libero Grassi nacque l’associazione ADDIO PIZZO.

taglioAlta_001241-1024x640

Il secondo film DELITTO DI MAFIA- MARIO FRANCESE, ci porta nella Palermo degli anni 70 dove con coraggio, un giovane giornalista del Giornale di Sicilia Mario Francese (Claudio Gioè nel film) denuncia le operazioni dei corleonesi per impossessarsi degli appalti pubblici siciliani. L’omicidio di Francese sarà dimenticato per più di 20 anni, sarà poi grazie a suo figlio Giuseppe (Marco Bocci nel film) che il caso verrà riaperto e i colpevoli condannati. Francese aveva raccontato in una lunga e lucidissima inchiesta giornalistica, l’avidità dei corleonesi, gli appalti di Riina e Provenzano per la diga Garcia e i traffici criminali, il reticolato di amicizie e di compiacenze politiche. Anche Francese come Libero Grassi e Giovanni Falcone venne isolato e in qualche modo tradito dalla redazione in cui lavorava, i cui editori si scoprirono collusi con Cosa Nostra.

taglioAlta_001395

Domenica prossima andrà in onda il quarto film RENATA FONTE- UNA DONNA CONTRO TUTTI. Storia di un assessore che sfidò la mafia e l’abusivismo edilizio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: