Scusate l’assenza di post nelle ultime settimane, ma sono stata vittima di una grave influenza che mi ha costretta a letto per più di 10 giorni.

Vediamo cosa c’è stato di nuovo in tv. La RAI ha inaugurato il nuovo anno con una fiction d’autore e un grande ritorno quello di Don Matteo 11 di cui vi parlerò prossimamente. La grande novità è rappresentata dal family drama scritto e diretto da Francesca Archibugi e che porta il titolo di ROMANZO FAMIGLIARE, titolo che vuole essere un omaggio a LESSICO FAMIGLIARE, il capolavoro di Natalia Ginzburg.

La storia ha per protagonista Emma Liegi (interpretata da Vittoria Puccini) trentaduenne sbadata, disordinata, in casinista che proprio non riesce a essere una brava moglie e una brava mamma. All’età di 16 anni, infatti, Emma rimane incinta di una bambina Micol che crescendo si dimostra molto più matura della madre. Colonna portante nella vita delle due ragazze è Agostino (Guido Caprino) marito di Emma e papà di Micol.

Le cose si complicano quando Agostino ufficiale di marina viene promosso al grado di capitano e trasferito da Roma a Livorno, il trasferimento per Emma è destabilizzante perché Livorno è la città da cui è scappata 16 anni prima, è la città dove risiede la sua famiglia e dove suo padre Gian Pietro (interpretato da Giancarlo Giannini) cerca di controllare tutto e tutti. Contemporaneamente Micol rimane incinta del suo insegnante di musica rivivendo l’esperienza della madre. Emma matura in un colpo iniziando a trasformarsi in una donna un po’ più sicura di sé che non vuole far mancare alla figlia tutto il suo affetto e il suo appoggio in un momento così delicato per la ragazza. Emma però non fa i conti con il padre che ha un ottimo ascendente su la giovane Micol, senza contare i fantasmi del passato che cercheranno di distruggere il rapporto fra Emma e Agostino.

La serie è composta da sei puntate di cui due già andate in onda, la terza puntata sarà trasmessa lunedì 15 gennaio alle 21.25 circa. Gli ascolti fin qui sono stati notevoli, ma personalmente trovo la narrazione un po’ lenta e deludente dato che parliamo di un lavoro che porta la firma di un’autrice importante come la Archibugi. Utilizzando la frase di un giornalista del Corriere della Sera sembra un vecchio sceneggiato RAI a cui sono stati inseriti temi moderni. Certo non mancano i colpi di scena e quel intreccio narrativo che porta l’insieme della fiction ad assomigliare ad una sorta di telenovela, a ciò va aggiunto un cast di attori di alta qualità che aiuta a colmare le carenze nella sceneggiatura. L’unica nota che ho apprezzato è la voce fuori campo che racconta la vicenda (voce dell’autista di casa Liegi) e le riprese della splendida Livorno.

DSC05286

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: