Pubblicato in: film

L’INGANNO

Virginia, Stati Uniti d’America, anno domini 1863. In piena guerra civile, una giovane istitutrice Martha Farnsworth riesce a creare nella propria casa coloniale una sorta di gineceo dove lei e un’altra insegnante la signorina Edwina Morrow si prendono cura di cinque ragazzine impossibilitate a raggiungere le famiglie a causa della guerra. Ogni singola giornata è scandita da un rigido orario dove lezioni, attività agricole e faccende domestiche si alternano regolarmente in un’atmosfera quasi surreale.

Atmosfera nella quale questo piccolo gruppo di donne si è isolato e l’eco dei cannoni dei confederati sembra solo un fastidioso rumore di sottofondo. Ma la realtà irrompe nelle loro vite nelle vesti del caporale John Mcburney. Caporale che viene trovato ferito nel bosco da una delle ragazze e condotto in casa per essere curato. La presenza dell’uomo distruggerà l’equilibrio nella scuola.

Il caporale risveglia in ogni singola ragazza sentimenti ed emozioni che erano state represse da tempo. In Jane, Amy, Emily e Marie, le ragazze più piccole, si accende la curiosità di conoscere cosa c’è al di là del cancello di casa, c’è la voglia di riavere un contatto con il mondo. In Alicia, adolescente ribelle, John risveglia il desiderio sessuale e lo stesso vale per la signorina Edwina Morrow. Anche Martha che all’inizio era contraria alla presenza dell’uomo in casa si convince che John potrebbe essere un valido aiuto. John d’altro canto comprende lo scompiglio che ha provocato e inizia ad esercitare su ognuna delle donne un fascino ambiguo per ottenere dei vantaggi personali. La situazione però gli sfuggirà dalle mani, tanto che le cose per il povero caporale non si metteranno affatto bene.

Il film scritto e diretto da Sofia Coppola è stato presentato all’ultima mostra del cinema di Venezia. Adattamento cinematografico del romanzo THE BEGUILDED scritto da Thomas P. Culliman nel 1966, era già stato portato sul grande schermo col film LA NOTTE BRAVA DEL SOLDATO JONATHAN del 1971 con Clint Eastwood.

Il cast scelto dalla Coppola è un cast da oscar. Abbiamo Colin Farrell nei panni del caporale Mcburney, Nicole Kidman in quelli di Martha Farnsworth, Kirsten Dunst è Edwina Morrow e infine Elle Fanning. Quest’ultima a mio avviso è stata bravissima ad interpretare Alicia dandole l’immagine di una Lolita ottocentesca. Splendidi i costumi, le scenografie e la ricostruzione storica, ma come sempre i film della Coppola non mi convincono fino in fondo. Sono come quei regali sotto l’albero di Natale che hanno una confezione bellissima ma nel momento in cui li scarti ti accorgi che il regalo in sé non è poi così bello. Film ben costruito ma che manca di quel senso di empatia che spesso e volentieri si crea tra narrazione cinematografica e spettatore.

L'inganno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...